Londra con i bambini: le attrazioni da non perdere

Polacchino primi passi Walkey da bambina rosa

Londra è una delle mie città del cuore: qui ho trascorso il primo weekend da fidanzati con mio marito, qui ho passato alcuni giorni speciali durante le vacanze di Natale di moltissimi anni fa. E quest’anno abbiamo deciso di tornarci con i nostri bambini che hanno ormai l’età giusta per apprezzare musei, monumenti e attività a loro dedicate. 

Come organizzare al meglio la vostra vacanza a Londra con i bambini? Cosa fare e cosa vedere con i più piccoli? 

Ecco i miei consigli per non farvi trovare impreparati e per sfruttare al meglio il tempo (anche poco) che avrete a disposizione in questa città davvero family-friendly (considerate, ad esempio, che i minori di 11 anni viaggiano gratis su tutti i mezzi pubblici, eccetto i treni National Rail). 

Musei, parchi, negozi, le attrattive per i bambini a Londra sarebbero davvero tantissime (molte, soprattutto quelle culturali, gratuite!), io ho selezionato alcune mete classiche, i must see imperdibili e qualche chicca che vi piacerà moltissimo. 

Tutti i musei londinesi organizzano percorsi per famiglie con bambini e attività specifiche come i racconti di storie alla National Gallery, le audioguide per famiglie alla Tate Modern e gli zainetti per i bambini al British Museum dove si potranno trovare faccia a faccia con delle spaventose mummie. Imperdibile il Natural History Museum, una vera e propria cattedrale dedicata alla natura con l’enorme scheletro della balenottera azzurra che accoglie i visitatori all’ingresso. Zona preferita dai bambini la Blue Zone con la sua Dinosaurs Gallery e la grande mostra sui cetacei. 

Accanto al Natural History Museum c’è lo Science Museum con 7 piani di mostre didattiche e interattive tra cui la famosa galleria Exploring Space dove potrete ammirare una riproduzione a grandezza naturale del modulo Eagle che portò Armstrong e Aldrin sulla Luna nel 1969. Insolito e particolare il Design Museum nei pressi di Holland Park dove fino al 31 gennaio 2020 si svolgeranno laboratori tecnologici per costruire circuiti con Electro Dough di Tech Will Save Us e visitare le esposizioni su giocattoli risalenti agli anni 50’ e su come si sono evoluti nel tempo i packaging dei marchi e prodotti più iconici. 

I vostri bimbi sono appassionati di cavalli e soldati a cavallo? Invece di assistere al Cambio della Guardia di Buckingham Palace dove c’è sempre moltissima gente vi consiglio la Queen’s Life Guard che inizia la parata a cavallo alle 10:28 (9:28 la domenica) partendo (dal 1660!) da Hyde Park Barracks e passando per Hyde Park Corner, Constitution Hill e il Mall. 

Durante la stagione invernale (da Novembre a Gennaio) vengono allestite in città alcune piste di pattinaggio, le più suggestive al Natural History Museum, alla Somerset House e a Hampton Court. 

 

Pausa shopping? Tra Hamleys, Lego store, M&M’S World Store e Harrods avrete l’imbarazzo della scelta (e dovrete porre a freno le richieste dei vostri bambini!). Io vi segnalo il Build-A-Bear Workshop dove si può “costruire” da zero uno speciale Teddy Bear personalizzabile. Per uno spuntino attraversate il Borough Market dove si possono fare tanti assaggi gratuiti di cibi provenienti da tutto il mondo. Se avete figli appassionati di fantasy, horror e fantascienza non perdete Forbidden Planet, un sogno per i collezionisti di cimeli a tema e fumetti. 

Se avete a disposizione qualche giorno in più visitate il Greenwich Royal Observatory dove troverete anche il Cutty Sark l’ultimo dei grandi velieri che navigarono tra Cina e Gran Bretagna nel XIX secolo e l’Hampton Court Palace lo spettacolare palazzo cinquecentesco in stile Tudor; durante la bella stagione vengono organizzate per le famiglie avventure nei giardini e nei sentieri, caccia ai fantasmi ed escursioni con carrozze (occhi aperti, potreste avvistare qualche daino o cervo! Cervi presenti in città anche al Richmond Park). 

Tra i parchi cittadini ho amato St Jame’s Park, decisamente più piccolo rispetto al famoso Hyde Park ma con una impagabile vista su London Eye, Buckingham Palace, Westminster e St James’s Palace: per i più piccoli scoiattoli, pellicani e anatre. A Nord dei Kensington Gardens si trova il Diana Princess of Wales Memorial Playground, un’area recintata con una nave pirata immersa nella sabbia, percorsi con corde e scivoli, tende degli indiani e molto ancora. 

Nel cuore di Londra immergetevi in vicoli che sembrano saltar fuori da un libro di favole: Neal’s Yard a Covent Garden, una piazzetta popolata da case arcobaleno e da negozietti caratteristici, un’oasi di tranquillità dove poter passeggiare in famiglia fuori dal caos cittadino. 

Ultimo consiglio ma non meno importante, anzi: scegliete per i vostri bambini abbigliamento comodo, pratico e di diversi “pesi” e grado di protezione (il vecchio detto del vestirsi “a cipolla” qui trova la sua ragion d’essere). Il clima londinese è piuttosto variabile e la pioggia è sempre in agguato. 

Le scarpe dovranno essere comode, resistenti all’acqua e al freddo e permettere ai più piccoli di giocare e correre nei tanti parchi cittadini. Bianca Zoe per la sua prima volta a Londra ha indossato il polacchino Walkey rosa chiaro, in crosta glitterata con doppia allacciatura (stringhe e chiusura lampo interna) che permette di infilare le scarpine al meglio. Un unico paio di scarpe (causa bagaglio piccolo) da mettere con abiti casual al mattino e con un vestitino la sera per una scorpacciata di Fish & Chips!

 

Grazie a Olga Zappalà | blog mammaholic.com | Instagram @mammaholic_olga | Facebook @mammaholic

 

Bambini: tendenze moda e calzature per l’Inverno

polacchino da bambina walkey in vernice nera Y1A5-40561-0149999-

Ci siamo, il freddo è arrivato e, con nuvole, vento e pioggia, è sopraggiunta anche la nostra febbrile voglia di rinnovare il guardaroba dei nostri bambini. Pronti a prendere appunti e gettarci a capofitto nello shopping?

Come vestiremo i più piccoli durante l’Inverno? Quali le tendenze nella moda kids?

Partiamo da un grande classico sempre attuale (del resto un vero classico è forever!): la stampa scozzese. La fantasia a quadri è un must sia nella sua versione classica che in quelle rivisitate ed è d’obbligo durante le feste di fine anno.

Per Bianca Zoe ho scelto un abitino ampio e comodo nei colori natalizi tradizionali da abbinare ai morbidi polacchini Walkey in vernice nera.

Il polacchino è uno dei modelli di punta della stagione (anche per noi mamme) e, da mamma, lo trovo estremamente versatile (e dai richiami rock!): perfetto con abiti, gonne, pantaloni culotte o leggings.

Moda e stile con la garanzia della qualità Walkey: fodera in pelle metal free, tallone rinforzato e imbottitura salva-caviglia. Ricordiamoci che i nostri figli trascorreranno le giornate di festa ad aprire pacchetti e a giocare con i regali portati da Babbo Natale. Lasciamoli liberi di correre con scarpe eleganti sì ma comode.

Il dettaglio moda di queste scarpine? Strass e pon pon!

Da qualche stagione ormai è scoppiata una vera pon pon mania non solo su accessori in lana come sciarpe e berretti ma anche su scarpe di diversi modelli come le classiche francesine in vernice nera o gli anfibi tornati prepotentemente alla ribalta. E, parlando di colori, ecco il nero, l’oro, l’argento e il beige con dettagli sparkling e glitterati, diventare i protagonisti assoluti della stagione più fredda.

Gli abiti per le bambine vengono declinati in volumi maxi. Per chi ama osare e divertirsi con la moda via libera alle stampe animalier mixate con rosa, bianco, nero e piccoli dettagli in velluto come stringhe, lacci e applicazioni.

Per dare colore alle giornate più grigie vi consiglio di abbinare due o più fantasie tenendo in mente un’unica regola: l’armonia cromatica.

E per i bambini più sportivi?

Una delle tendenze della moda bambino autunno-inverno 2019-2020 sarà l’athleisure, ovvero il mix tra abbigliamento sportivo e formale. Scegliete un paio di colorate sneakers Walkey da far indossare con un classico blazer ai maschietti e con gonna tutù e pelliccia sintetica alle bambine in un gioco di contrasti che divertirà tutti moltissimo.

 

Grazie a Olga Zappalà | blog mammaholic.com | Instagram @mammaholic_olga | Facebook @mammaholic

 

I consigli di una mamma tris per scegliere le scarpe per il proprio bambino

Che emozione i primi passi di un bambino e… quanta ansia per noi genitori! Con la grande gioia per la prima, tenera e traballante camminata di nostro figlio iniziano a nascere i dubbi e le mille domande su come scegliere la scarpa giusta.

Che caratteristiche dovranno avere le suole? Quali materiali preferire? Come stabilire la misura corretta?

Da mamma di tre bambini posso dirvi che la scelta delle calzature non deve essere una scelta “di pancia”: non basta innamorarsi di un modello, di un colore o di una forma (come accade con un abito), occorre informarsi, ponderare e trovare la scarpa giusta per la protezione e lo sviluppo armonico del piedino e per favorire la camminata in ogni fase della crescita. È molto importante, infatti, che la fisiologia del movimento del piede venga conservata e mai alterata.

Ecco quindi alcune “regole” base sulla scelta delle calzature giuste per la scuola, il tempo libero, le giornate fuori e dentro casa che possano dipanare i dubbi più frequenti dei genitori.

Una scarpa per bambini deve essere leggera e flessibile e permettere al piede di muoversi –  il piede ha ben 28 ossa e quindi necessita di una scarpa che lasci libere le articolazioni: ogni bambino prova un istinto irrefrenabile a togliersi le scarpe e camminare a piedi nudi (e questo istinto in casa o in spiaggia va assolutamente assecondato). La stessa libertà che deve essere garantita (anche durante una corsa o sulle punte) da una calzatura attraverso materiali morbidi, suola ampia e flessibile con tassello antiscivolo e soletta dotata di plantare anatomico.

Materiali di qualità e processi di lavorazione controllati quelli che un’azienda con lunga esperienza e know how nel settore può garantire, Elisabet opera nel mercato delle calzature da oltre 40 anni. Il marchio Walkey utilizza solo pellami pregiati, traspiranti e testati: il plantare è in vera pelle, la fodera delle scarpe è realizzata con pellami certificati metal free (Chrome e Nickel Tested) 8 volte più traspiranti di un pellame standard.

Cura e attenzione si concentrano anche sui minimi dettagli come la speciale solettina traspirante con estratti di aloe vera e sull’assenza di parti piccole estraibili o staccabili per una sicurezza massima.

Importantissima la speciale imbottitura salva caviglia che ne sostiene la specifica articolazione. La scarpa giusta sviluppa equilibrio, stabilità, autonomia dei piccoli ed aiuta i bambini a camminare prima e meglio.

Ogni prodotto della collezione Walkey è ovviamente frutto di una lunga attività di ricerca svolta in collaborazione con medici specialisti nell’ambito ortopedico-pediatrico ma è anche espressione di stile e delle ultime tendenze moda. Bianca Zoe indossa in foto delle sneakers in pelle color oro e glitter perfette per soddisfare la sua voglia di “brillantini” anche quando gioca al parco o va all’asilo. Si tratta di un modello versatile adatto in ugual misura alle occasioni più formali o alle imminenti feste di fine anno.

Come stabilire il numero di scarpe del proprio bambino? Come sapere se la taglia è corretta?

La soluzione migliore è tastare attentamente il piede del bambino all’interno della scarpa, non serve invece appoggiare la suola della scarpa al piede poiché la lunghezza interna di una calzatura è sempre differente. Importante anche far provare al bambino sia la scarpa destra che quella sinistra: tra l’estremità delle dita e la punta anteriore della calzatura deve rimanere uno spazio di circa un centimetro.

Non dimentichiamo di verificare periodicamente la crescita del piedino sostituendo la scarpina quando necessario; un tempo (ai miei tempi!) si acquistavano scarpe più grandi in previsione della futura crescita, sbagliato! Il rischio è la creazione di abrasioni a causa dello strofinamento del piede e lo sviluppo di una camminata scorretta. Sconsigliato anche il passaggio di scarpe dal fratello maggiore al minore o tra amici e cuginetti: l’uso precedente potrebbe aver deformato la calzatura.

E voi quali caratteristiche ritenete fondamentali nella scelta e acquisto delle scarpe per i vostri piccoli?

 

Grazie a Olga Zappalà | blog mammaholic.com | Instagram @mammaholic_olga | Facebook @mammaholic

 

Sneakers? Come e quali scegliere per la salute del bambino

Le sneakers sono tra gli accessori più comprati e regalati quando sta per nascere un bambino. Questa una tendenza apparsa ancora molto prima che spopolasse il trend del “mini me”. Quando il bimbo cresce e inizia a muovere i primi passi, le sneakers spesso appaiono come la soluzione più facile e divertente. Questo perché permettono di ricreare look divertenti ma soprattutto comodi.

La combinazione “sneakers + comodità” però non è sempre così immediata specialmente se parliamo di bambini molto piccoli nell’età dei primi passi. Comprare le sneakers per i nostri figli è molto spesso uno sfizio e dovrebbe rimanere tale a meno di scegliere un paio davvero adeguato al piede del bambino.

Quali sneakers scegliere per i primi passi del bambino

In realtà possono davvero essere tanti i modelli di sneakers adatti ai primi passi. Basterà soltanto stare attenti a qualche accorgimenti. In primis il materiale della scarpa. Da bandire i materiali sintetici privilegiando pelle, tessuto o crosta. Anche se si parla di sneakers il materiale usato dovrà essere anallergico. traspirante e il più naturale possibile.

Fondamentale sarà anche la costruzione della scarpa. Una punta abbastanza morbida per agevolare la camminata mentre la parte posteriore dovrà essere più rigida e solida per mantenere al meglio la caviglia. Potrebbe sembrare un dettaglio ma non lo è affatto. Ciò che distingue una buona scarpa primi passi da un’altra meno adatta sta proprio lì: nel corretto accompagnamento del movimento del piedino. Accompagnamento che dovrà essere affiancato dal giusto sostegno.

Anche la praticità fa la sua parte. Per praticità, si intende la facilità con la quale si infilerà la scarpa. A questo proposito sarebbe meglio stare attenti a qualche dettaglio nella scelta di una sneaker primi passi. La scarpa si allarga facilmente per infilare il piede del bambino? Oltre alle stringhe c’è qualche zip sul lato per favorire l’alloggio del piede?

Infine, il nostro consiglio è sempre quello di preferire chi è specializzato nelle scarpine primi passi. Sono oggi tantissime le sneakers dedicate ai bimbi piccoli. Ricordiamoci però che questa fase della vita dei nostri figli è importante e delicata. Merita la giusta attenzione e gli strumenti migliori.

Non c’è alcun motivo per privarci del piacere di un bel paio di sneakers anche per muovere i primi passi. Basterà scegliere un paio adatto al piede del bambino, e sicuro per i suoi primi passi incerti!

first-steps-sneaker-for-boy-grey-leatherfirst-steps-sneaker-for-boy-yellow-leatherfirst-steps-sneaker-for-girl-taupe-leather

Un modo facile per fare indossare le scarpe ai vostri bimbi

I primi passi sono una tappa fondamentale nella crescita di ogni bambino. Tappa che va accompagnata dai gesti giusti, di pazienza, incoraggiamento e ovviamente, come abbiamo già detto, dalle scarpine primi passi migliori per il massimo comfort dei piccoli.
Non tutti i bambini però accettano di buon grado le loro prime vere scarpine. Tantissimi bambini sono infatti abituati ad stare“scalzi” sin dalla nascita con i piedini protetti soltanto da calzini o calze antiscivolo. Lo avete mai notato? I bimbi più piccoli spesso si strofinano i piedi tra di loro per cercare di liberarsi da scarpine, babbucce e altri calzettoni. Talvolta, anche il primo paio di scarpine potrebbe essere problematico perché i bambini non abituati si sentono “costretti” e a disagio con le scarpe ai piedi.
In questi casi, infilare un paio di scarpe al proprio figlio potrebbe velocemente trasformarsi in un incubo.
Quindi come fare per riuscire a mettere le scarpe ai bambini?
Non abbiamo (purtroppo) nessuna bacchetta magica, ma sicuramente qualche trucco infallibile per riuscire con successo nell’intento.
Fondamentale sarà la scelta del modello di scarpine!
Dovranno essere privilegiati per esempio i pellami o materiali più morbidi (sempre ovviamente stando attenti a scegliere una scarpina con la struttura giusta per sostenere piede e caviglia) che non costringano troppo il piede. Questo in modo tale da garantire il binomio perfetto: sostegno e massima libertà di movimenti.
Inoltre, saranno importantissimi alcuni dettagli che aiuteranno in modo decisivo nella “vestizione” del piedino. Quale mamma non ha mai avuto l’impressione di “avvitare” il piedino del proprio figlio cercando di infilargli una scarpina? Niente di più sbagliato perché un movimento sbagliato potrebbe fare molto male alla caviglia del bambino.

Ecco perché andrà prestata la massima attenzione a qualche caratteristica che possa essere di prezioso aiuto. Eccone alcune:
La zip sul lato. Oggi sono tante le scarpine dotate di zip a lato della scarpa in modo tale da aprire e allargare la scarpina al massimo, per riuscire ad infilarla senza problemi. Questo specialmente nei modelli di scarpine dotate di lacci. In questo modo basterà poi aggiustare i lacci in modo corretto per non toccarli mai più, e usare solo la zip per mettere/togliere la scarpina. E se dovesse ancora essere un po’ dura da infilare, i lacci si potranno sempre disfare per un ulteriore aiuto.
La chiusura velcro. Una chiusura “trompe-l’oeil” spesso nascosta sotto i finti lacci. Una soluzione davvero molto pratica perché permette una grandissima libertà nel mettere la scarpa. In questo modo si riesce a garantire una grandissima apertura, potendo quindi infilare il piedino all’interno della scarpa senza alcun problema. Un sistema molto indicato ai bambini più piccoli o a quelli più… scalmanati!

first-steps-shoes-for-girl-grey-leatherfirst-steps-sneaker-for-boy-grey-blue-yellowfirst-steps-ankle-boot-for-boy-grey-leatherfirst-steps-ankle-boot-in-blue-and-yellow-leather

 

Scarpe invernali per bambini: quali sono i modelli migliori?

Nonostante le feste di fine anno siano ormai passate e lo sguardo punta alla primavera, spesso si dimentica che l’inverno ancora qualche mese durerà. Tra saldi invernali e nuove collezioni in arrivo il cuore oscilla… Ma quali sono le scarpine da prediligere in questo periodo dell’anno?

Quali sono le scarpine da usare durante l’inverno?
I primi passi dei piccoli sono spesso incerti. Le cadute sono spesso dietro l’angolo e all’ordine del giorno. La più grande preoccupazione delle mamme è quindi la sicurezza di una scarpina che dovrà essere perfetta e indicata in caso di cattivo tempo. Pioggia, neve, gelo soprattutto.
Ancora una volta ecco perché sia così importante rivolgersi ad un marchio esperto nella scarpa primi passi.

Di scarpe dai numeri piccoli(ssimi) se ne vedono tantissime. Non tutte però hanno tutti i requisiti giusti per la massima tranquillità di mamme e bambini.
Se si rischia di scivolare sulle strade ghiacciate sarà meglio rimanere in casa? No, affatto! Basterà semplicemente scegliere una scarpina adatta alla stagione.
Scegliendo per esempio un modello un po’ più alto per un migliore sostegno della caviglia. A far chiaramente la differenza sarà la suola, meglio se antiscivolo. Con la parte anteriore morbida per facilitare il movimento, e quella posteriore rigida per garantire un maggiore supporto.

E per il freddo? Star indiscusse della stagione invernale sono gli stivaletti. Alti, caldi, e magari arricchiti con il caldo montone. La migliore alternativa rimane il polacchino, robusto senza costringere troppo il piede, abbastanza caldo e ideale per le giornate fredde così come per quelle di pioggia.
In conclusione, non bisognerebbe mai privarsi di una bella passeggiata all’aria fresca, anche se quest’ultima è più fredda che fresca. I nordeuropei insegnano: la vita all’aperto fa il più gran bene a grandi e piccoli. Non bisognerebbe mai privarsi del piacere di ammirare la neve sugli alberi, di cantare sotto l’ombrello durante i giorni di pioggia, di guardare scendere i fiocchi di neve con il naso all’insù.
Basta solo coprirsi bene e usare gli accessori adatti, dalla testa fino ai piedi! Un motivo in più per approfittare appieno dei saldi invernali. Comprando scarpe adatte e di qualità, magari anche scontate!
Qui sotto alcuni modelli della collezione invernale di Walkey, perfetti per l’occasione!

 

polacchino-walkey-in-nabuk-ocra-ai-17polacchino-walkey-in-crosta-cipria-e-pois-oro-ai-17walkey-bimba-polacchino-in-crosta-blue-e-strass-ai-17walkey-bimbo-polacchino-in-nabuk-ai-17walkey-bimba-polacchino-in-crosta-beige-a-pois-oro-con-montone-ai-17

I buoni propositi per 2018 partendo dalle scarpine!

L’arrivo del nuovo anno porta con sé un nuovo inizio. Una pagina tutta bianca da scrivere, sulla quale mettere nero su bianco i nostri buoni propositi. Un anno nuovo ci offre infatti la possibilità di ricominciare. Di ripartire dal piede giusto. L’occasione perfetta per rimediare a certi sbagli e prendere nuove e giuste decisioni.

Giuste decisioni, anche per quanto riguarda il guardaroba dei nostri piccoli, e in particolare le loro scarpe!

Proviamo a stilare un vademecum insieme?

Ecco i nostri buoni propositi (validi per tutti i bambini) sulla scelta delle scarpine:

Nuove scarpe per i primi passi

Ne abbiamo già parlato precedentemente: le scarpe “riciclate” per i bambini non sono per forza da bandire ma preferibilmente da evitare per quanto riguardano i primi passi. Una tappa molto importante nella crescita dei bambini, che merita un paio di scarpine adatte e adeguate.

 

Qualità sopra ogni cosa

Anche l’occhio, certo, vuole la sua parte. E a volte, qualità ed estetica possono andare perfettamente a braccetto. Se però doveste mai trovarvi a dover scegliere tra i due, nessuna esitazione: la qualità dei materiali è assolutamente FONDAMENTALE per il confort e la sicurezza dei bambini.

 

Puntare sul Made in Italy

E se tra i buoni propositi del nuovo anno appena iniziato facessimo la promessa di sostenere il nostro Bel Paese? L’Italia è una nazione piena di eccellenza. Tra queste anche il grande savoir-faire per quanto riguarda la pelletteria, gli accessori e le varie calzature. Perché quindi andare a cercare altrove quando il proprio paese offre prodotti di altissima qualità?

 

L’importanza dei materiali

Non solo pelle, non solo nappa. Basta però che l’alternativa sia all’altezza. Nabuk, crosta, tela, vernice. Queste sono proposte altrettanto validi. L’unica cosa da tenere in mente sarà la morbidezza della scarpa soprattutto per quanto riguardano le scarpine primi passi. Il bambino dovrà sentirsi sicuro e a proprio agio per muovere i suoi primi passi in tutta sicurezza e in tutta libertà.

 

Comodità sì… anche per la mamma!

Quando valutate l’acquisto di una scarpina primi passi anche questo aspetto è importante. Quante “sudate” si fanno le mamme che cercano di infilare le scarpine al proprio bambino? Uno degli errori più comuni è quello di “avvitare” la scarpa al piede, rischiando così di fare molto male alla caviglia del bimbo in questione. Importantissima sarà quindi la costruzione della scarpa. Un’eventuale cerniera, un’apertura facile, una chiusura con strappo velcro o un bottone a pressione. Insomma, non dimenticate di valutare tutti questi piccoli dettagli che fanno parte, indubbiamente, di un accessorio di qualità.

 

Qui sotto, alcuni dei nostri modelli must-have di stagione (clicca sulle immagini per ritrovarli nel nostro e-shop)

 

polacchino-walkey-in-nabuk-colore-blu-e-giallo-ai-17polacchino-walkey-bimba-in-vernice-bordeaux-e-glitter-ai-17walkey-bimbo-sneaker-in-crosta-ai-17

Le scarpe perfette per il look delle feste!

Dicembre segna non solo la corsa ai regali e la definizione del menù perfetto per il pranzo in famiglia, ma anche la questione del look festivo perfetto da sfoggiare!

Non è solo una “cosa da grandi” ma anche ai bambini piace essere “vestiti a festa” e non solo per le foto di famiglia davanti all’albero addobbato.

Natale è condivisione, gioia e allegria da festeggiare! Che lo si possa fare anche “in pigiama”? Assolutamente sì. Ma sappiamo bene che anche l’occhio vuole la sua parte, e vestirsi bene per le feste di fine anno farà felici tutti, piccoli e grandi.

Le scarpe per l’outfit di Natale e Capodanno?! comodità prima di tutto!

Vestirsi bene sì, ma senza perdere di vista la comodità! Stiamo pur parlando di bambini e questo aspetto non deve proprio mancare. I piccoli devono essere liberi di correre, giocare, inginocchiarsi e sedersi a terra in tutta libertà e comodità. Via libera ai modelli in pelle sì, a patto che questa sia morbida e confortevole.

I maschietti sono spesso quelli per cui si fa più fatica. La soluzione? Puntare sulla semplicità. Per un giorno lasciamo le sneaker nell’armadio e optiamo invece per qualche polacchino, di colore blu scuro, marrone, nero o grigio.

Perfetto quello di Walkey, blu con inserti in cuoio naturale.

polacchino-walkey-in-crosta-blu-ed-inserti-in-pelle-cuoio-ai-17

Per le femmine invece è giusto sbizzarrirsi (sempre nei limiti) scegliendo vernice, pompon o glitter.

Per le scarpine primi passi, evitiamo le ballerine (non troppo comode per le più piccoline) ma una francesina o stringata, assolutamente perfetta sia con la gonna che con un paio di pantaloni. Se si prevede di fare qualche passeggiata, meglio ancora puntare su uno stivaletto in vernice nera, con qualche dettaglio sfizioso ad impreziosirlo.

AH60665B_3

I modelli perfetti sono tanti (e sì, anche per i maschietti), basta solo armarsi di fantasia e tenere in mente alcuni (ma pochi) concetti: la comodità viene prima di tutto, il piede deve essere protetto dall’eventuale freddo ma se di look natalizio stiamo parlando, via libera ai dettagli più eleganti.

Il fine anno è più che mai, il periodo perfetto in cui è possibile osare con una scarpina diversa del solito.

 

Scarpine come regalo di Natale

I bambini sono ora alle prese con le tante e varie letterine a Babbo Natale. Spesso e volentieri una sola letterina non basta nemmeno per inserire tutti gli innumerevoli oggetti del desiderio di ogni bambino. Bambole, peluche, trenini… e mentre le liste si allungano, così fanno anche le preoccupazioni di ogni genitore al suon di “dove metteremo tutto?”

Si sa, con la “scusa” di Babbo Natale i piccoli non pongono limiti alla propria immaginazione ed è spesso difficile frenarli. Diversa è la situazione con i bimbi più piccini. Nella prima infanzia ancora non si hanno le idee piuttosto chiare. C’è chi ancora non parla e chi invece è ancora ai primi approcci con il mondo dei giocattoli. Spesso e volentieri i genitori devono dare una risposta alla domanda “cosa Gli/le prendo per Natale?” Bella domanda!

Regali utili per bimbi piccoli

La soluzione migliore quando i bambini sono ancora piccini, sta nel scegliere regali belli ma utili. Sfruttare l’occasione per farsi regalare oggetti, capi di abbigliamento o ancora accessori, di cui il piccolo avrà presto bisogno. Natale è l’occasione perfetta per optare su regali di qualità. Qualcosa che duri e che sia funzionale. Una delle migliore idee preferite dai neo genitori? Le scarpe!

Le scarpe per bambini non sempre sono delle più economiche. E anche se sono ad un buon prezzo, difficilmente i genitori si lasciano andare ad una spesa folle comprando più modelli. E se questa fosse invece l’occasione giusta? Le scarpe, specialmente se primi passi, devono tassativamente essere di qualità perché ne va della postura futura del bambino, con tutto ciò che ne deriva. Non si scappa: sulle scarpe non si cede alla tentazione del low cost.

Regalare scarpe primi passi: quali modelli scegliere?

Le idee sono potenzialmente tante! L’ideale sarà di orientarsi verso modelli importanti e utili, che potranno essere indossati anche più avanti (per non rischiare di comprare un numero troppo piccolo). I modelli più adeguati?

Gli stivaletti caldi (ricordiamoci che Natale cade all’inizio dell’inverno! Il freddo durerà quindi ancora un bel po’). Valgono anche i polacchini con inserti di montone, o quelli in nabuk, ideali anche quando fuori piove. Le sneaker possono essere un’opzione validissima perché utili sempre, sia in inverno che durante le mezze stagioni.

Infine, sarà perfetto anche il “modello sfizioso” che difficilmente ci si compra da soli, puntando invece su modelli più facili e passe-partout. Quale migliore occasione del Natale per offrire una bella scarpina di vernice, impreziosita con pompon o altri glitter?

 

Clicca sui modelli qui sotto per ritrovarli nel nostro e-shop!

polacchino-walkey-in-crosta-glitter-ai-17polacchino-walkey-pelle-blu-e-gialla-ai-17scarpa-walkey-in-vernice-nera-e-pom-pom

Scarpe bambini: è giusto riciclarle?

I bambini, si sa, crescono alla velocità della luce e molto presto, vestiti ed accessori diventano troppo piccoli. Cappotti, pantaloni, t-shirt e altri vestiti vengono molto spesso conservati dai genitori per poi essere riciclati per i fratelli più piccoli.

E le scarpe? È giusto passare delle scarpe già “vissute” da un altro bambino?

Le scarpe primi passi possono essere riciclate da un bambino all’altro?

Tendenzialmente no! Anche se queste ultime verranno indossate poco, Il rischio è comunque di risultare poco confortevoli per un altro bambino e addirittura di creare qualche piccolo danno.

La suola di una scarpa si adatta sempre al piede di chi la indossa. Modellandosi col tempo, e consumandosi in alcuni punti più degli altri. Punti che non saranno gli stessi per ogni individuo.

Difficilmente un adulto si troverà comodo nelle scarpe di qualcun altro proprio per questo motivo. Perché optare per questa soluzione quindi, se si tratta per di più di bambini?

Vero è che le scarpe per bambini verranno usate molto meno nel tempo ma se si parla di scarpine primi passi il discorso si fa più delicato.

I primi passi sono una tappa fondamentale nella vita di ogni bambini. Primi passi che metteranno poi le basi non solo per una camminata futura ma anche per una giusta postura. Iniziarsi ai primi passi con delle scarpe già consumate, indossate e quindi modellate sul piede di un altro bambino potrebbe non solo non essere una soluzione delle più comode ma creare fastidio e danni.

Le scarpe per bambini non vanno mai riciclate?

Dipende! Qualche eccezione può ovviamente essere fatta. Le scarpine da culla per esempio, avendo soprattutto una funzione estetica potranno assolutamente essere riciclate. Così come alcune scarpe per le occasioni speciali indossate poche volte. Un paio di ballerine o scarpe eleganti da cerimonia per esempio potranno anche essere prestate, o riusate dal fratellino.

Le scarpe più usate e vissute invece non dovrebbero mai cambiare proprietario. Così come le scarpe primi passi che seppur nemmeno tanto consumate, avranno accompagnato uno dei momenti più delicati nella vita di un bambino, e non andrebbero prestate, ne tantomeno riciclate.