Vestire un maschietto? E’ divertente come vestire una bambina

Avete sempre pensato che vestire un maschietto sia una faccenda noiosa?

 

Beh, dovete ricredervi, basta conoscere i pezzi chiave!

 

Quando aspettavo la prima bambina, ben dodici anni fa, l’esclamazione più frequente delle signore che mi chiedevano il sesso del nascituro era: “che bello, vedrai come ti divertirai a vestirla”. E così è stato. Come per la seconda e la terza.

Quando aspettavo Gregorio, adorando i look maschili ed avendo un marito super modaiolo, pensavo che mi sarei divertita allo stesso modo… E invece tutti mi smontavano: “vedrai che vestire un maschietto è molto più noioso”, “vedrai che non c’è la stessa varietà”, “vedrai che finirai per vestirlo sempre in tuta”. Dicevano…

E invece qui vi racconto quanto sia meraviglioso giocare a vestire un maschietto e di come fossero infondate le cose che mi dicevano! Indosserà solo blu e celeste? E tutte quelle meravigliose scarpine luccicanti, con cosa le sostituirò?

Mi sono dovuta decisamente ricredere, perché la moda bambino negli ultimi anni ha fatto passi da gigante e se è vero che le bimbe da piccole principesse incantate si sono trasformate in principesse molto più attuali ed urbane, i maschietti hanno subito un’evoluzione incredibile in termini di eleganza anche nell’abbigliamento di tutti i giorni.

Dunque comodi si, ok anche la tuta, ma tutto in versione glam! Metteteci che Gregorio è un vero amante dei capi eleganti e capirete perché ad oggi posso affermare che vestire un maschietto è bello quanto e più che vestire una femminuccia!

Se si punta sui pezzi chiave giusti, non solo ci si diverte altrettanto a vestire un maschietto, ma si ottengono degli outfit strepitosi! 

E siccome si sa, la moda è un gioco e come tale può riuscire ad allietare giornate pessime, perché non innamorarci perdutamente dei completi che vorremmo tanto vedere addosso ai nostri compagni?

Scherzi a parte, il bello del vestire un maschietto è che si gioca benissimo tra casual ed eleganza. Basta puntare sulla scarpa giusta, perché nel look di un uomo è quella che fa davvero la differenza!

Per Greg ho scelto un polacchino lucido di Walkey con elastico a contrasto, che adoro proprio perché è perfetto con un outfit elegante, ma altrettanto con un pantalone largo da tuta o un semplice jeans.

Queste scarpine sono super calde, impermeabili ed abbracciano il piedino dei nostri piccoli ometti permettendogli di correre e saltare con la massima sicurezza. E poi, diciamolo, sono bellissime.

La finitura lucida, in particolare, mi è sempre piaciuta tantissimo, anche quando nessuno la considerava “di moda” oppure solo “da bambina” e invece evviva, i trend ritornano e prima o poi lo fanno anche quelli belli!

Quindi, care mamme e future mamme di maschietti, non temete: non sentirete affatto la nostalgia dei colori pastello, avrete comunque un guardaroba molto vario e, se come me siete amanti delle scarpine, vi divertirete forse ancor più che con una femminuccia!

Grazie a Valentina Piccini | blog mammeaspillo.it | Instagram @mammeaspillo | Facebook @mammeaspillo

Londra con i bambini: le attrazioni da non perdere

Polacchino primi passi Walkey da bambina rosa

Londra è una delle mie città del cuore: qui ho trascorso il primo weekend da fidanzati con mio marito, qui ho passato alcuni giorni speciali durante le vacanze di Natale di moltissimi anni fa. E quest’anno abbiamo deciso di tornarci con i nostri bambini che hanno ormai l’età giusta per apprezzare musei, monumenti e attività a loro dedicate. 

Come organizzare al meglio la vostra vacanza a Londra con i bambini? Cosa fare e cosa vedere con i più piccoli? 

Ecco i miei consigli per non farvi trovare impreparati e per sfruttare al meglio il tempo (anche poco) che avrete a disposizione in questa città davvero family-friendly (considerate, ad esempio, che i minori di 11 anni viaggiano gratis su tutti i mezzi pubblici, eccetto i treni National Rail). 

Musei, parchi, negozi, le attrattive per i bambini a Londra sarebbero davvero tantissime (molte, soprattutto quelle culturali, gratuite!), io ho selezionato alcune mete classiche, i must see imperdibili e qualche chicca che vi piacerà moltissimo. 

Tutti i musei londinesi organizzano percorsi per famiglie con bambini e attività specifiche come i racconti di storie alla National Gallery, le audioguide per famiglie alla Tate Modern e gli zainetti per i bambini al British Museum dove si potranno trovare faccia a faccia con delle spaventose mummie. Imperdibile il Natural History Museum, una vera e propria cattedrale dedicata alla natura con l’enorme scheletro della balenottera azzurra che accoglie i visitatori all’ingresso. Zona preferita dai bambini la Blue Zone con la sua Dinosaurs Gallery e la grande mostra sui cetacei. 

Accanto al Natural History Museum c’è lo Science Museum con 7 piani di mostre didattiche e interattive tra cui la famosa galleria Exploring Space dove potrete ammirare una riproduzione a grandezza naturale del modulo Eagle che portò Armstrong e Aldrin sulla Luna nel 1969. Insolito e particolare il Design Museum nei pressi di Holland Park dove fino al 31 gennaio 2020 si svolgeranno laboratori tecnologici per costruire circuiti con Electro Dough di Tech Will Save Us e visitare le esposizioni su giocattoli risalenti agli anni 50’ e su come si sono evoluti nel tempo i packaging dei marchi e prodotti più iconici. 

I vostri bimbi sono appassionati di cavalli e soldati a cavallo? Invece di assistere al Cambio della Guardia di Buckingham Palace dove c’è sempre moltissima gente vi consiglio la Queen’s Life Guard che inizia la parata a cavallo alle 10:28 (9:28 la domenica) partendo (dal 1660!) da Hyde Park Barracks e passando per Hyde Park Corner, Constitution Hill e il Mall. 

Durante la stagione invernale (da Novembre a Gennaio) vengono allestite in città alcune piste di pattinaggio, le più suggestive al Natural History Museum, alla Somerset House e a Hampton Court. 

 

Pausa shopping? Tra Hamleys, Lego store, M&M’S World Store e Harrods avrete l’imbarazzo della scelta (e dovrete porre a freno le richieste dei vostri bambini!). Io vi segnalo il Build-A-Bear Workshop dove si può “costruire” da zero uno speciale Teddy Bear personalizzabile. Per uno spuntino attraversate il Borough Market dove si possono fare tanti assaggi gratuiti di cibi provenienti da tutto il mondo. Se avete figli appassionati di fantasy, horror e fantascienza non perdete Forbidden Planet, un sogno per i collezionisti di cimeli a tema e fumetti. 

Se avete a disposizione qualche giorno in più visitate il Greenwich Royal Observatory dove troverete anche il Cutty Sark l’ultimo dei grandi velieri che navigarono tra Cina e Gran Bretagna nel XIX secolo e l’Hampton Court Palace lo spettacolare palazzo cinquecentesco in stile Tudor; durante la bella stagione vengono organizzate per le famiglie avventure nei giardini e nei sentieri, caccia ai fantasmi ed escursioni con carrozze (occhi aperti, potreste avvistare qualche daino o cervo! Cervi presenti in città anche al Richmond Park). 

Tra i parchi cittadini ho amato St Jame’s Park, decisamente più piccolo rispetto al famoso Hyde Park ma con una impagabile vista su London Eye, Buckingham Palace, Westminster e St James’s Palace: per i più piccoli scoiattoli, pellicani e anatre. A Nord dei Kensington Gardens si trova il Diana Princess of Wales Memorial Playground, un’area recintata con una nave pirata immersa nella sabbia, percorsi con corde e scivoli, tende degli indiani e molto ancora. 

Nel cuore di Londra immergetevi in vicoli che sembrano saltar fuori da un libro di favole: Neal’s Yard a Covent Garden, una piazzetta popolata da case arcobaleno e da negozietti caratteristici, un’oasi di tranquillità dove poter passeggiare in famiglia fuori dal caos cittadino. 

Ultimo consiglio ma non meno importante, anzi: scegliete per i vostri bambini abbigliamento comodo, pratico e di diversi “pesi” e grado di protezione (il vecchio detto del vestirsi “a cipolla” qui trova la sua ragion d’essere). Il clima londinese è piuttosto variabile e la pioggia è sempre in agguato. 

Le scarpe dovranno essere comode, resistenti all’acqua e al freddo e permettere ai più piccoli di giocare e correre nei tanti parchi cittadini. Bianca Zoe per la sua prima volta a Londra ha indossato il polacchino Walkey rosa chiaro, in crosta glitterata con doppia allacciatura (stringhe e chiusura lampo interna) che permette di infilare le scarpine al meglio. Un unico paio di scarpe (causa bagaglio piccolo) da mettere con abiti casual al mattino e con un vestitino la sera per una scorpacciata di Fish & Chips!

 

Grazie a Olga Zappalà | blog mammaholic.com | Instagram @mammaholic_olga | Facebook @mammaholic

 

Bambini: tendenze moda e calzature per l’Inverno

polacchino da bambina walkey in vernice nera Y1A5-40561-0149999-

Ci siamo, il freddo è arrivato e, con nuvole, vento e pioggia, è sopraggiunta anche la nostra febbrile voglia di rinnovare il guardaroba dei nostri bambini. Pronti a prendere appunti e gettarci a capofitto nello shopping?

Come vestiremo i più piccoli durante l’Inverno? Quali le tendenze nella moda kids?

Partiamo da un grande classico sempre attuale (del resto un vero classico è forever!): la stampa scozzese. La fantasia a quadri è un must sia nella sua versione classica che in quelle rivisitate ed è d’obbligo durante le feste di fine anno.

Per Bianca Zoe ho scelto un abitino ampio e comodo nei colori natalizi tradizionali da abbinare ai morbidi polacchini Walkey in vernice nera.

Il polacchino è uno dei modelli di punta della stagione (anche per noi mamme) e, da mamma, lo trovo estremamente versatile (e dai richiami rock!): perfetto con abiti, gonne, pantaloni culotte o leggings.

Moda e stile con la garanzia della qualità Walkey: fodera in pelle metal free, tallone rinforzato e imbottitura salva-caviglia. Ricordiamoci che i nostri figli trascorreranno le giornate di festa ad aprire pacchetti e a giocare con i regali portati da Babbo Natale. Lasciamoli liberi di correre con scarpe eleganti sì ma comode.

Il dettaglio moda di queste scarpine? Strass e pon pon!

Da qualche stagione ormai è scoppiata una vera pon pon mania non solo su accessori in lana come sciarpe e berretti ma anche su scarpe di diversi modelli come le classiche francesine in vernice nera o gli anfibi tornati prepotentemente alla ribalta. E, parlando di colori, ecco il nero, l’oro, l’argento e il beige con dettagli sparkling e glitterati, diventare i protagonisti assoluti della stagione più fredda.

Gli abiti per le bambine vengono declinati in volumi maxi. Per chi ama osare e divertirsi con la moda via libera alle stampe animalier mixate con rosa, bianco, nero e piccoli dettagli in velluto come stringhe, lacci e applicazioni.

Per dare colore alle giornate più grigie vi consiglio di abbinare due o più fantasie tenendo in mente un’unica regola: l’armonia cromatica.

E per i bambini più sportivi?

Una delle tendenze della moda bambino autunno-inverno 2019-2020 sarà l’athleisure, ovvero il mix tra abbigliamento sportivo e formale. Scegliete un paio di colorate sneakers Walkey da far indossare con un classico blazer ai maschietti e con gonna tutù e pelliccia sintetica alle bambine in un gioco di contrasti che divertirà tutti moltissimo.

 

Grazie a Olga Zappalà | blog mammaholic.com | Instagram @mammaholic_olga | Facebook @mammaholic

 

I consigli di una mamma tris per scegliere le scarpe per il proprio bambino

Che emozione i primi passi di un bambino e… quanta ansia per noi genitori! Con la grande gioia per la prima, tenera e traballante camminata di nostro figlio iniziano a nascere i dubbi e le mille domande su come scegliere la scarpa giusta.

Che caratteristiche dovranno avere le suole? Quali materiali preferire? Come stabilire la misura corretta?

Da mamma di tre bambini posso dirvi che la scelta delle calzature non deve essere una scelta “di pancia”: non basta innamorarsi di un modello, di un colore o di una forma (come accade con un abito), occorre informarsi, ponderare e trovare la scarpa giusta per la protezione e lo sviluppo armonico del piedino e per favorire la camminata in ogni fase della crescita. È molto importante, infatti, che la fisiologia del movimento del piede venga conservata e mai alterata.

Ecco quindi alcune “regole” base sulla scelta delle calzature giuste per la scuola, il tempo libero, le giornate fuori e dentro casa che possano dipanare i dubbi più frequenti dei genitori.

Una scarpa per bambini deve essere leggera e flessibile e permettere al piede di muoversi –  il piede ha ben 28 ossa e quindi necessita di una scarpa che lasci libere le articolazioni: ogni bambino prova un istinto irrefrenabile a togliersi le scarpe e camminare a piedi nudi (e questo istinto in casa o in spiaggia va assolutamente assecondato). La stessa libertà che deve essere garantita (anche durante una corsa o sulle punte) da una calzatura attraverso materiali morbidi, suola ampia e flessibile con tassello antiscivolo e soletta dotata di plantare anatomico.

Materiali di qualità e processi di lavorazione controllati quelli che un’azienda con lunga esperienza e know how nel settore può garantire, Elisabet opera nel mercato delle calzature da oltre 40 anni. Il marchio Walkey utilizza solo pellami pregiati, traspiranti e testati: il plantare è in vera pelle, la fodera delle scarpe è realizzata con pellami certificati metal free (Chrome e Nickel Tested) 8 volte più traspiranti di un pellame standard.

Cura e attenzione si concentrano anche sui minimi dettagli come la speciale solettina traspirante con estratti di aloe vera e sull’assenza di parti piccole estraibili o staccabili per una sicurezza massima.

Importantissima la speciale imbottitura salva caviglia che ne sostiene la specifica articolazione. La scarpa giusta sviluppa equilibrio, stabilità, autonomia dei piccoli ed aiuta i bambini a camminare prima e meglio.

Ogni prodotto della collezione Walkey è ovviamente frutto di una lunga attività di ricerca svolta in collaborazione con medici specialisti nell’ambito ortopedico-pediatrico ma è anche espressione di stile e delle ultime tendenze moda. Bianca Zoe indossa in foto delle sneakers in pelle color oro e glitter perfette per soddisfare la sua voglia di “brillantini” anche quando gioca al parco o va all’asilo. Si tratta di un modello versatile adatto in ugual misura alle occasioni più formali o alle imminenti feste di fine anno.

Come stabilire il numero di scarpe del proprio bambino? Come sapere se la taglia è corretta?

La soluzione migliore è tastare attentamente il piede del bambino all’interno della scarpa, non serve invece appoggiare la suola della scarpa al piede poiché la lunghezza interna di una calzatura è sempre differente. Importante anche far provare al bambino sia la scarpa destra che quella sinistra: tra l’estremità delle dita e la punta anteriore della calzatura deve rimanere uno spazio di circa un centimetro.

Non dimentichiamo di verificare periodicamente la crescita del piedino sostituendo la scarpina quando necessario; un tempo (ai miei tempi!) si acquistavano scarpe più grandi in previsione della futura crescita, sbagliato! Il rischio è la creazione di abrasioni a causa dello strofinamento del piede e lo sviluppo di una camminata scorretta. Sconsigliato anche il passaggio di scarpe dal fratello maggiore al minore o tra amici e cuginetti: l’uso precedente potrebbe aver deformato la calzatura.

E voi quali caratteristiche ritenete fondamentali nella scelta e acquisto delle scarpe per i vostri piccoli?

 

Grazie a Olga Zappalà | blog mammaholic.com | Instagram @mammaholic_olga | Facebook @mammaholic

 

Un bambino su tre indossa scarpe sbagliate.

Facciamo scelte ogni giorno, scegliamo cosa indossare, cosa mangiare, che libri leggere, che opinione politica avere, come trascorrere il tempo libero, che amici frequentare. Le scelte che fanno paura non sono però quelle che riguardano noi stessi, perché per quelle ci assumiamo la responsabilità delle conseguenze di ciò che scegliamo. E va bene così.

Le cose cambiano però quando hai un figlio e ti rendi conto che dovrai scegliere per lui (per molto molto tempo) e dovrai farlo bene.

Sembra una banalità, ma vi siete mai fermati a pensare a quanto questa cosa sia immensamente complicata? Sì perché dietro ogni scelta c’è una vocina dentro di noi che dice “scegli per il suo bene”.

Ecco perché fin da piccolissimi cerchiamo di incoraggiarli senza giudicarli, facciamo del nostro meglio per essere empatici davanti ai loro capricci.

E poi ci sono tutta quella serie di scelte di carattere pratico che certo non sono meno importanti come la sua alimentazione, le scuole che frequenta, il suo abbigliamento.

Siamo attenti sotto ogni aspetto della sua crescita ma allora com’è possibile che secondo un recente sondaggio il 65% dei bambini non indossa le scarpe giuste per il suo piedino? Proprio così, circa un terzo dei bimbi porta calzature troppo strette o non adatte perché non tengono conto dell’anatomia e della morfologia del piede. Un dato allarmante poiché una scelta errata in fatto di calzature, in tenera età, può dare luogo anche a deformazioni ai piedi (come l’alluce valgo o i cosiddetti “piedi piatti”…per fare qualche esempio) e in generale possono comportare seri problemi di salute e di postura.

Processed with VSCO with hb2 preset

 

Ma allora quali caratteristiche deve avere la scarpa giusta per un bambino? La risposta l’ho trovata nel brand Walkey che ho scoperto recentemente e che è entrato di diritto tra i miei preferiti per quanto riguarda le calzature che scelgo per Flavia.

Il perché è presto detto perché le caratteristiche della calzature Walkey parlano chiaro: ogni scarpa ha struttura e del design ergonomico, altro fattore fondamentale che concorre all’eccellenza e alla sicurezza delle calzature Walkey è quello dei materiali e dei processi di lavorazione utilizzati. I pellami sono pregiati,, il plantare anatomico è in vera pelle e il fondo extraflex che garantisce massima flessibilità unita a solidità ed affidabilità per il fondo, che assicura equilibrio e protezione al piede del bambino. La chicca è la speciale solettina traspirante con estratti di aloe vera.

Se ai materiali scelti, naturali ed ecologici e l’accurato studio della costruzione della scarpa, si aggiunge anche un delizioso gusto estetico, capirete perché le scarpe Walkey mi piacciono parecchio!

Valentina Grispo

1-3

2

I benefici del gioco all’aria aperta nei bambini

 “La vita è più divertente se si gioca”,  così scriveva Roald Dahl, celebre scrittore di romanzi per l’infanzia. Ma tra il gioco dentro casa e il gioco all’aria aperta c’è una gran differenza, anche e soprattutto per i nostri bambini!

L’età di Gregorio è un’età di piena scoperta, in cui è praticamente impossibile tenere fermo il bambino per più di cinque minuti… E allora lasciamolo giocare, a patto che lo faccia il più possibile all’aria aperta e con la giusta scarpina!

Ma quali sono i cinque benefici principali del gioco all’aria aperta per i nostri bambini?

1- Sviluppa le capacità cognitive

Il gioco, si sa, è fondamentale per lo sviluppo cognitivo e relazionale dei nostri bambini. Il gioco all’aria aperta aiuta il bambino a sviluppare i concetti di socializzazione, relazione e concentrazione, ma stimola anche e soprattutto la creatività: chi di noi non ha mai costruito una casa con dei bastoni o non ha “cucinato” pietre e fiori per amichetti e genitori, chi non ha giocato al piccolo esploratore nella strada dietro casa? Questi comportamenti apparentemente “semplici” sono in realtà un grande aiuto per le competenze sociali e comportamentali utili all’adulto.

2- Stop a malattie cardiache e diabete

l’obesità, con tutto ciò che ne consegue – problemi cardiaci e diabete in primis – è uno dei grandi mali del nostro tempo. Il gioco all’aria aperta aiuta il nostro bambino a fare movimento divertendosi, stimolando il metabolismo e consentendogli di non rinunciare al suo dolcetto preferito. In più, un ambiente esterno evita il proliferarsi di virus e batteri (e tutti, chi più chi meno, ne conosciamo le conseguenze nei mesi dell’asilo, quando si deve stare al chiuso per gran parte del tempo).

3- Il bambino è più sereno

L’esposizione alla luce solare, ovviamente con le giuste cautele, stimola la sintesi della serotonina, che a sua volta favorisce il buonumore.Questo è importantissimo anche nei bambini, perchè essere piccoli non significa non soffrire di patologie come ansia, stress e depressione. Non a caso queste malattie aumentano nei paesi in cui c’è una scarsa cultura del gioco all’aperto.

4- La sintesi della vitamina D

Un corpo sano parte da uno scheletro sano: ecco un altro buon motivo per giocare all’aria aperta. Il sole favorisce infatti la sintesi della vitamina D, che aiuta la calcificazione delle ossa. Lasciate il bimbo libero di giocare, porattelo a fare una bella passeggiata, o perchè no un bel giro in bicitutto vale!

5- Previene la miopia

Sapevate che il gioco all’aria aperta è un fattore che aiuta a prevenire la miopia? E’ stato infatti provato che trascorrere 4 ore all’aria aperta a settimana – non una follia, dunque – riduce il rischio di miopia del 2%.

Chiaramente, perchè il gioco all’aria aperta sia salutare e piacevole per i nostri bimbi, ci vuole la scarpina giusta!

Walkey è la scarpina progettata per le esigenze del piccolo camminatore: “prima il piedino, poi la scarpa”.

Design ergonomico e di tendenza, struttura estremamente flessibile ma al tempo stesso contenitiva, le scarpine Walkey si caratterizzano per la qualità del pellame e la sicurezza dei processi di lavorazione.

Toccando il fondo extraflex e morbidissimo potrete capire il comfort del camminare sulle scarpine Walkey; il plus? La speciale solettina traspirante con estratti di aloe vera, che garantisce benessere e freschezza al piedino.

2

IMG_6276 IMG_6274 6 5

L’oroscopo coi piedini Walkey – Giugno – Ginny

Cari mamme e papà,
eccoci all’appuntamento oramai fisso con l’oroscopo dei piedini di Walkey! Siete pronti a correre dietro ai vostri piccoletti?? O preferireste sbaciucchiare le loro zampette comodamente sdraiati sul prato per il pic nic della domenica? A dirvelo saranno le stelle, anzi le stelline, perché qui stiamo col naso all’insù a leggere l’oroscopo dei più piccoli. E, come sempre, solo cose belle! Buona lettura dalla vostra astrologa, Ginny
ARIETE Preparatevi ad un mese di alti e bassi nell’umore dei giovani Arietini! Salteranno come niente dalla voglia di coccole e pantofole ad un impellente desiderio di sfrecciare via in monopattino rincorrendo l’amichetto del cuore su e giù per i viottoli del parco. E, soprattutto nella seconda metà del mese di Giugno, a pochissimo varranno raccomandazioni o minacce che scivoleranno via come le infradito nell’acqua!
TORO Al più, i piedini dei bambini del segno del Toro in questo oroscopo del mese di Giugno li vedrete ciondolare dall’altalena, dalla sedia sdraio o da dietro il bancone del bar dove i piccoletti sono comodi comodi a mangiare un gelato. Pigrissimi ancor più del solito, adoreranno farsi leggere la solita favola decine di volte così che nemmeno la loro testolina debba impegnarsi per prestare attenzione. Troveranno tutte le scuse quindi per non infilarsi nemmeno le scarpine e abbandonarsi piuttosto ai grattini sotto la pianta delle zampette.
GEMELLI Assolutamente impossibile tenere fermi i piedini di un cucciolo del segno dei Gemelli che viaggeranno a cento all’ora nemmeno fossero le rotelle dei pattini! Il bello è che in questi piccoletti non saranno solo le gambette a darsi da fare ma anche i pensierini, le chiacchiere e i “perché?”. E se voi mamme e papà di bambini del segno dei Gemelli speravate in un mese di riposo… dovrete prevedere invece di indossare scarpe comode per correre veloci!
CANCRO I tuoi piedini sono fatti per essere accarezzati, sbaciucchiati, addirittura per farti mordere le ditina piccolo Cancro! In questo mese di Giugno non sommergere di amore i dolci Cancretti dalla testolina alla punta delle scarpine sarà davvero impossibile. Prendete ore di permesso mamme perché qui le ore non basteranno mai!
LEONE Piedini e gambette incrociati come un giovane capo indiano con tanto di sguardo di disapprovazione e penne sulla testa. I bambini del segno del Leone sanno benissimo quello che vogliono e per ottenerlo sono pronti a sit in, capricci, manifestazioni organizzate tanto che i temutissimi “terrible two” saranno una festa a confronto. Ma sappiate, cari genitori, che tutto questo tempra il loro carattere… e anche il vostro!
VERGINE Dopo i primissimi giorni del mese anche i bambini del segno della Vergine, che di natura adorano le scarpine, si slacceranno le stringhe e correranno per i prati o le spiagge con i piedini nudi! Basterà una mano tesa di un altro bambino perché aprano il cuore e il sorriso e saltellino senza sosta per tutta la giornata.
BILANCIA con quei piedini potrebbero calciare come dei veri bomber i pulcini del segno della Bilancia! Marte a loro favore li rende fortissimi, praticamente dei super eroi. E non ci sarà tempo per carezze o baci perché questi piedini hanno tantissima strada da percorrere e voi genitori siete pregati di non fare domande e dare loro la manina!
SCORPIONE Puntare i piedi, anzi i piedini, sarà un eufemismo per i pargoletti del segno dello Scorpione in questo oroscopo del mese di Giugno! Non provate a convincerli a passare la domenica pomeriggio dalla nonna, a condividere i giochi con il vicino di casa o a prestare le scarpine oramai troppo piccole ala cuginetta. Avete davanti bambini irremovibili, con i piedini ben piantati nei loro sandaletti e pronti a difendere tutti i loro diritti!
SAGITTARIO Sarà facile vedere i piedini dei bambini del segno del Sagittario per la prima volta scappare via a nascondersi non appena pronuncerete la parola “scuola”… proprio loro che adorano studiare useranno i libri solamente per arrampicarsi, anche quelli delle fiabe della buonanotte! State tranquilli e aspettateli vicino alla campanella perché non appena passerà l’influenza di Mercurio saranno i primi a correre di nuovo in classe!
CAPRICORNO Impossibile far cambiare idea ad un cucciolo del segno del Capricorno. Davvero impossibile. I loro piedini resteranno barricati nelle sneakers senza osare mettere fuori nemmeno un ditino. Se ne stanno lì stretti stretti dall’allacciatura a strappo e non proferiscono parola. Nemmeno le pinne da mare o le scarpette da ballerina faranno cambiare loro idea. Assolutamente cocciuti questo mese!
ACQUARIO i piccolini del segno dell’Acquario staranno in punta di piedi, anzi di piedini, in questo mese di Giugno perché più che mai avranno fretta di crescere, di andare, di esplorare e conoscere! Marte li rende così audaci da far si che come regalo di fine anno scolastico chiederanno il motorino. Ci sarà da correre cari genitori!
PESCI Avranno così voglia di abbracciarvi e riempirvi d’amore i piccoli Pesciolini che le loro braccia non basteranno. Vi abbracceranno anche con le gambette e stringeranno forte attorno a voi i loro piedini
Ginny

I primi passi di Aurora – FanniceFashion

I primi passi di Aurora

Sembra ieri che l’abbiamo abbracciata per la prima volta, ed invece la nostra piccola Aurora ha già compiuto otto mesi. Un periodo sempre ricco di scoperte e conquiste, ma forse mai come in questo mese in cui ha iniziato a poco a poco a gattonare, per poi mettersi in piedi da sola, ed infine muovere i primi passi.

Ebbene sì, abbastanza precocemente rispetto alla media, come era successo per Anna ed Alice, anche la piccolina sta muovendo i suoi primi passi. La mamma guarda Aurora con un misto di gioia e di tristezza e ripete spesso “la mia piccola è già diventata grande!”. Le sorelle la seguono emozionate per questa conquista, così importante e delicata per lei, e fanno a gara nell’aiutarla. Ciascuna infatti spera di essere la prima a vederla staccarsi dal suo sostegno e camminare in piena autonomia.

Anna, la più grande, si diverte un sacco ad aiutare Aurora a muovere i primi passi sorreggendola ed insegnandole come mettere i piedini. Alice, la seconda, è più protettiva, sta attenta alle possibili cadute e si preoccupa che la sorellina non si spaventi troppo. Aurora sembra essere molto orgogliosa dei suoi progressi e quando si allontana e poi si volta indietro per essere rassicurata, le sorridiamo tutte insieme e la incoraggiamo.

In questo momento di crescita psicofisica, è importante scegliere le scarpine giuste e per far questo ci sono alcuni punti da tenere in considerazione. Le scarpine devo essere realizzate con materiali di alta qualità, avere una suola morbida e flessibile, essere comode e della giusta misura. Nelle foto qui sotto Aurora indossa delle scarpine Walkey che presentano tutte le caratteristiche richieste alle scarpine primi passi.

Inoltre, le scarpine Walkey ci hanno conquistato per il loro stile semplice ed elegante… e visto il nostro blog di moda bimbi non poteva essere diversamente! Ci siamo innamorate delle sneakers color platino con dettagli in oro ed una splendida farfalla sul retro. Le troviamo perfette sia per un abitino elegante, come le abbiamo abbinate noi, sia per un look più semplice dal sapore estivo: un paio calzoncini bianchi ed una t-shrit con tocchi oro oppure platino.

Walkey-05 Walkey-11 Walkey-10

L’oroscopo coi piedini Walkey – Maggio – Ginny

Cari mamme e papà, avete letto l’oroscopo dei piedini Walkey di Aprile??

Ebbene, se questa è una piccola abitudine di distrazione e allegria, allora eccoci di nuovo con l’oroscopo coi piedini per il mese di Maggio.

I vostri cuccioli corrono o si bagnano le zampette nell’acqua??

Leggetelo qua sotto… e, come sempre, solo cose belle!

A presto dalla vostra astrologa, Ginny

ARIETE

Per una volta i piedini dei piccoli del segno dell’Ariete potrebbero avere voglia di starsene in totale relax stesi lungo il lettino mentre loro dall’altro capo hanno la testa immersa in un libro fantasy o in un fumetto di supereroi! Godetevi questi bimbi che, almeno secondo l’’oroscopo di Maggio, si lasceranno coccolare… mentre di solito dovete rincorrerli anche solo per un bacino!

TORO

Stranamente pronti anche a lunghissime camminate senza voler penzolare per forza dalle alte spalle del papà, i piedini dei cuccioli del Toro si sentono piedoni da gigante in questo mese di Maggio e sono pronti a dimostrarvelo. E non chiamateli bambini perché qui c’è tanta ma tanta responsabilità che scorre in una scarpina del ventisette!

GEMELLI

Saranno tanto adorabili i nanerottoli del segno dei Gemelli a Maggio che i loro piedini cercheranno i nostri per intrecciarsi mentre tutti insieme guardiamo per la duecentomilionesima volta lo stesso cartone animato! Ma è così, l’amore non ha confini… né tanto meno taglie!

CANCRO

Dovrete, anche questo mese, trascinare i piedini dei bambini del segno del Cancro fuori dalle pantofole per convincerli ad infilarsi nelle scarpette. Loro, infatti, se ne starebbero tanto volentieri arrotolati sotto le lenzuola o strofinati sul tappeto morbido della cameretta… La pigrizia questa volta la fà da padrona!

LEONE

I piedini sgambettano veloci proprio come la linguetta lunga dei pupi del segno del Leone! In questo oroscopo del mese di Maggio infatti noi genitori dovremo fare esercizi zen per affrontare col sorriso e la risposta pronta i milioni di “perché” con i quali verremo bombardati da questi piccoli esploratori della ragione ultima!

VERGINE

Altro che morbidi piedini! I bimbi della Vergine a Maggio sfoggeranno degli esplosivi calci da bomber o delle dinamiche sforbiciate da ginnasta! Fortissimi e super determinati, barattano volentieri i massaggi con qualche tiro in porta dopo cena coi papà!

BILANCIA

I piedini delle Bilancine preferiranno di gran lunga galleggiare tra le onde di mare o piscina piuttosto che faticare per terra! Marte li rende ancora pigrissimi e con un adorabile broncetto che spunta dopo i primi cento metri con lo zainetto in spalla. Come far tornare loro il sorriso?? Ma con i baci, ovviamente!

SCORPIONE

Inarrestabili Scorpioncini, dovrete mettere il turbo per star dietro ai loro piedini da centometristi… ancor più veloci se avranno la possibilità di sfrecciare in monopattino! Impossibile tenerli fermi, nemmeno allacciandogli le stringe alla sedia!

 

SAGITTARIO

L’unica parte del corpo che riuscirete a sbaciucchiare dei vostri piccoli Sagittario saranno appunto i piedini. Ma a patto di riuscire ad afferrarli giocando ad acchiapparella! Di baci tradizionali infatti proprio non se ne vede l’ombra in questo oroscopo di Maggio…

 

CAPRICORNO

Salti, doppi carpiati, capriole e giravolte: i piedini dei giovani Capricorno saranno pronti per le olimpiadi dei piccoli! Forti, determinati e vivacissimi… e nella seconda metà del mese, grazie a Mercurio, potrebbero persino rispondere alle domande di storia e geografia mentre si danno da fare a saltellare!

 

ACQUARIO

Dolcissimi Acquario, i loro piedini sbucheranno dal bagnetto come quelli di un pesciolino rosso pronto a farsi inseguire e riempire di baci! Eh sì, godetevi questa esplosione di emotività e coccole da chi di solito deve essere rincorso e stremato di solletico ai piedini prima di concedere il bacio della buonanotte!

 

PESCI

I piedini dei Pesciolini non si lasceranno di certo andare ad una passeggiata senza scarpine nell’erba o nella sabbia! Qui ci vuole rigore e tacch(ett)i a spillo… non si scherza mica con questi bimbi nell’oroscopo del mese di Maggio: sanno bene quello che vogliono e per ottenerlo sono pronti anche a puntare i piedini!

 

Scarpe per bambini: le cose che dovremmo sapere prima di acquistare

Le scarpe per bambini devono essere buone: cominciamo dalla conclusione!

A volte ci lasciamo affascinare da scarpette sfiziose, alla moda, magari a poco prezzo proposte dai grandi magazzini, ma stiamo attente perché comprarle potrebbe rivelarsi un errore.

Il pediatra mi ha sempre raccomandato infatti di acquistare scarpe davvero adatte ai bambini e alle loro esigenze di crescita, facendo particolare attenzione alla suola, al materiale ed alla misura. Comprendendo, sin dai primi passi di Lavinia, l’importanza dei suoi suggerimenti, ho scelto pertanto di essere più libera nell’acquisto di vestiti anche low cost, ma di non transigere con le scarpette.

Lavinia ha cominciato a camminare piuttosto tardi: aveva 16 mesi quando ha iniziato a sorreggersi davvero da sola e, non vi nascondo, che qualche tempo prima ho cominciato -inutilmente- a preoccuparmi. Se è vero quindi che ogni bambino ha i suoi tempi, è vero anche che dalla massima qualità in tema di scarpe per bambini, non si può proprio prescindere.

Se nei primi mesi di vita e comunque circa fino ai 9-10 mesi, le scarpe non sono necessarie, fungono per lo più come ornamento o protezione dal freddo, dopo tale età la scarpa deve possedere precise caratteristiche tese a rispettare l’anatomia dei piedini ed aiutare il giusto movimento e la corretta postura.

Nello specifico le scarpe per bambini, per ritenersi perfettamente adatte, non dovranno essere nè troppo rigide, nè troppo morbide, devono possedere un buon sostegno alla caviglia ed una discreta copertura posteriore, una tomaia sempre pienamente confortevole, più pesante e protettiva in inverno e più leggera in estate quando i piedini hanno bisogno di maggior freschezza e traspirazione.

Attenzione soprattutto a riconoscere la giusta rigidità: le scarpe per bambini devono permettere un modesto piegamento della punta; non va bene la punta che si piega troppo e nemmeno la scarpa che si piega completamente.

Fondamentale inoltre la scelta della misura. Vi svelo un trucchetto: con il bambino in piedi, premendo sulla punta della scarpa deve rimanere sempre circa 1/1,5 cm oltre l’alluce!

Badate, è assolutamente sconsigliato comprare scarpe per bambini troppo grandi o troppo piccole: nel primo caso si compromette la stabilità del movimento e si rischia il formarsi di vesciche; nel secondo si potrebbe anche andare incontro a seri danni alle unghie.

E mi raccomando, ogni bimbo ha la propria forma del piede che inevitabilmente imprimerà alle sue scarpe per cui, anche se usate poco, è preferibile non fare indossare ai bimbi scarpine usate in precedenza dai fratelli maggiori.

Insomma, non ci resta molta scelta: le scarpe devono essere nuove, buone e della giusta misura!

Considerate che i piedini nei primi 4 anni di vita crescono davvero molto rapidamente (quasi mezzo cm al mese) per cui le scarpe vanno cambiate molto spesso e cioè circa ogni 3 mesi.

In queste foto Lavinia indossa delle scarpette Walkey, un marchio davvero sinonimo di qualità e, per fortuna anche di stile. Le scarpe rispecchiano appieno tutte le caratteristiche sopra evidenziate e sono anche belle. Aggiungo anche una cosa molto importante e cioè che non costano uno sproposito: il rapporto qualità prezzo infatti è davvero eccezionale!

E poi Walkey è davvero una garanzia!  Tutte le calzature sono progettate per rispondere alle specifiche esigenze anatomiche dei nostri bambini, come la tomaia rigorosamente in pelle, la suola ampia e flessibile con tassello antiscivolo, una struttura costruita per permettere l’agevole alloggiamento e l’articolazione di piede e caviglia, assecondando la libertà di movimento anche sulle punte o in corsa.

E poi la nuova collezione è davvero stupenda (Lavinia ne sa qualcosa visto che si è innamorata delle sue sneakers con i cuoricini e ormai vuol mettere solo quelle!!!)…

Spero di avervi fornito qualche spunto interessante per guidarvi all’acquisto delle scarpe per bambini e sono sicura che, se proverete anche voi Walkey, ne resterete piacevolmente sorprese come noi!

Alla prossima!

Laura

 

  • IMG_2119 IMG_2232IMG_2212