Che emozione i primi passi di un bambino e… quanta ansia per noi genitori! Con la grande gioia per la prima, tenera e traballante camminata di nostro figlio iniziano a nascere i dubbi e le mille domande su come scegliere la scarpa giusta.

Che caratteristiche dovranno avere le suole? Quali materiali preferire? Come stabilire la misura corretta?

Da mamma di tre bambini posso dirvi che la scelta delle calzature non deve essere una scelta “di pancia”: non basta innamorarsi di un modello, di un colore o di una forma (come accade con un abito), occorre informarsi, ponderare e trovare la scarpa giusta per la protezione e lo sviluppo armonico del piedino e per favorire la camminata in ogni fase della crescita. È molto importante, infatti, che la fisiologia del movimento del piede venga conservata e mai alterata.

Ecco quindi alcune “regole” base sulla scelta delle calzature giuste per la scuola, il tempo libero, le giornate fuori e dentro casa che possano dipanare i dubbi più frequenti dei genitori.

Una scarpa per bambini deve essere leggera e flessibile e permettere al piede di muoversi –  il piede ha ben 28 ossa e quindi necessita di una scarpa che lasci libere le articolazioni: ogni bambino prova un istinto irrefrenabile a togliersi le scarpe e camminare a piedi nudi (e questo istinto in casa o in spiaggia va assolutamente assecondato). La stessa libertà che deve essere garantita (anche durante una corsa o sulle punte) da una calzatura attraverso materiali morbidi, suola ampia e flessibile con tassello antiscivolo e soletta dotata di plantare anatomico.

Materiali di qualità e processi di lavorazione controllati quelli che un’azienda con lunga esperienza e know how nel settore può garantire, Elisabet opera nel mercato delle calzature da oltre 40 anni. Il marchio Walkey utilizza solo pellami pregiati, traspiranti e testati: il plantare è in vera pelle, la fodera delle scarpe è realizzata con pellami certificati metal free (Chrome e Nickel Tested) 8 volte più traspiranti di un pellame standard.

Cura e attenzione si concentrano anche sui minimi dettagli come la speciale solettina traspirante con estratti di aloe vera e sull’assenza di parti piccole estraibili o staccabili per una sicurezza massima.

Importantissima la speciale imbottitura salva caviglia che ne sostiene la specifica articolazione. La scarpa giusta sviluppa equilibrio, stabilità, autonomia dei piccoli ed aiuta i bambini a camminare prima e meglio.

Ogni prodotto della collezione Walkey è ovviamente frutto di una lunga attività di ricerca svolta in collaborazione con medici specialisti nell’ambito ortopedico-pediatrico ma è anche espressione di stile e delle ultime tendenze moda. Bianca Zoe indossa in foto delle sneakers in pelle color oro e glitter perfette per soddisfare la sua voglia di “brillantini” anche quando gioca al parco o va all’asilo. Si tratta di un modello versatile adatto in ugual misura alle occasioni più formali o alle imminenti feste di fine anno.

Come stabilire il numero di scarpe del proprio bambino? Come sapere se la taglia è corretta?

La soluzione migliore è tastare attentamente il piede del bambino all’interno della scarpa, non serve invece appoggiare la suola della scarpa al piede poiché la lunghezza interna di una calzatura è sempre differente. Importante anche far provare al bambino sia la scarpa destra che quella sinistra: tra l’estremità delle dita e la punta anteriore della calzatura deve rimanere uno spazio di circa un centimetro.

Non dimentichiamo di verificare periodicamente la crescita del piedino sostituendo la scarpina quando necessario; un tempo (ai miei tempi!) si acquistavano scarpe più grandi in previsione della futura crescita, sbagliato! Il rischio è la creazione di abrasioni a causa dello strofinamento del piede e lo sviluppo di una camminata scorretta. Sconsigliato anche il passaggio di scarpe dal fratello maggiore al minore o tra amici e cuginetti: l’uso precedente potrebbe aver deformato la calzatura.

E voi quali caratteristiche ritenete fondamentali nella scelta e acquisto delle scarpe per i vostri piccoli?

 

Grazie a Olga Zappalà | blog mammaholic.com | Instagram @mammaholic_olga | Facebook @mammaholic

 

Recommended Posts